Avete mai pensato che il vostro benessere possa dipendere anche dalla vostra casa? Disposizione delle stanze, finestre, arredi, colori e oggetti semplici, quanto pregni di significati intrinseci, sono i pilastri dell’antica filosofia cinese del Feng Shui.

Nello specifico si tratta di una disciplina taoista secondo la quale gli eventi sarebbero guidati da due principi interconnessi: il Ch’i e l’equilibrio dinamico tra Yin, che nel Feng Shui è rappresentato dall’acqua, e Yang che trova invece espressione nell’aria.

Come si traducono i principi di questa antica arte all’interno di un’abitazione? Non è molto semplice rispettare a pieno quanto richiesto dal Feng Shui, proprio per questo ci si rivolge ad esperti della materia che sapranno amalgamare la disciplina taoista alle regole architettoniche tradizionali, ma proviamo a tracciare i profili essenziali per rendere la vostra casa vicina all’antica filosofia cinese.

Disposizione degli spazi

Innanzi tutto occorre che la pianta della propria casa sia regolare, quadrata o rettangolare, senza punti asimmetrici o morti. Le stanze devono essere disposte secondo l’orientamento dei punti cardinali: il nord, corrispondente all’elemento dell’acqua, sarà la direzione in cui sarà collocato l’ingresso, mentre nella parte opposta dell’abitazione, quindi quella esposta a sud, saranno disposte le camere da letto in cui il letto dovrà essere posizionato con la testa rivolta a nord e i piedi a sud.

Fondamentale poi dare grande importanza all’ingresso della luce in casa, attraverso finestre che siano grandi e con forma regolare, ancora una volta quadrata o rettangolare. Le finestre diventano, inoltre, la chiave per la continuità che deve essere assicurata tra interno ed esterno. Si prediligono, infatti, grandi vetrate che pur separando i due spazi possano amalgamare gli ambienti di casa. Diventa allora necessario riportare all’esterno colori e componenti d’arredo che ricordino quelli usati all’interno.

Arredi e colori

I 5 elementi naturali devono essere ripresi, secondo la disciplina del Feng Shui, anche nella scelta degli arredi, in modo tale da circondarsi di tutte le energie che possano influire positivamente nella vita di chi abita gli spazi domestici. Ecco allora che scegliere di avere un acquario in casa, per esempio, diventa un’ottima soluzione applicativa del Feng Shui.

Tutti gli arredi, inoltre, non devono ostacolare o impedire il flusso di energie che deve scorrere fluido in ogni stanza: vanno evitati, quindi, mobili troppo ingombranti o con forme non regolari. Questa regola viene elevata al principio fondamentale e incontestabile della disciplina taoista di eliminazione del superfluo, unico modo per garantire un benessere psicologico tra le mura di casa.

Sulla scelta dei colori, invece, influisce non solo l’uso delle stanza, ma anche la sua posizione. Si prediligono, allora, i colori caldi come il giallo, l’arancione, il marrone e il rosso nelle stanze rivolte a sud e quindi destinate al riposo, mentre quelli più freddi, come il blu e il viola, in quelle rivolte a nord. Il verde invece, colore della conoscenza e dell’illuminazione, la fa da padrone negli ambienti destinati allo studio e al lavoro.

Cosimo Giuseppe Pastore

CONDIVIDI
La Redazione
Finalmentecasa.net è il nuovo portale degli annunci immobiliari della tua città. Gli immobili sono proposti dalle agenzie immobiliari partner, corredati da foto, video, descrizione e tutte le informazioni necessarie per fare la scelta giusta. Finalmentecasa il modo più semplice di trovare casa nella tua città!